Censimento del Cervo al Bramito

"Metodologia Sperimentale"

Cos'è il Censimento al Bramito tradizionale?

Il censimento tradizionale del cervo al bramito si svolge in orario notturno e da postazioni fisse sopraelevate, quali poggi e crinali, che permettono di udire più bramiti possibili. In ogni postazione due o più volontari registrano la direzione e l'ora di ogni singolo bramito che sentono in un arco di tempo di 3 ore.

 

Il censimento tradizionale ha però diversi svantaggi:

- utilizza un elevato numero di censitori, la cui presenza può influenzare l'attività dei cervi, soprattutto durante le fasi di spostamento su fuoristrada per raggiungere i punti di ascolto;

- l'utilizzo di punti sopraelevati può portare problemi dovuti sia alla distorsione dei suoni da parte del vento, che alla possibilità di udire cervi anche molto lontani, di cui è difficile stimare la distanza, e che rischiano di essere conteggiati più volte.

E il Censimento Sperimentale?

Il censimento sperimentale o metodo Cicognani - Lucchesi, invece, è un censimento di tipo itinerante e proprio grazie a questa sua caratteristica necessita di un numero minore di censitori.

Questo censimento si svolge su transetti di lunghezza variabile che vengono percorsi all'imbrunire in un lasso di tempo di circa un'ora. I transetti vengono scelti in maniera casuale tra un'ampio numero di percorsi, in modo da coprire tutta la zona da indagare.

Lungo ogni percorso sono individuati alcuni punti di ascolto vantaggiosi nei quali l'operatore dovrà effettuare una sosta di 5 minuti registrando direzione e distanza di tutti i cervi bramitanti che udirà.

Se durante il percorso da un punto ad un'altro l'operatore sentirà bramire un maschio differente da quelli già segnalati dovrà registrare le coordinate della propria posizione e direzione e distanza del "nuovo" esemplare.

Al contrario del censimento tradizionale, che prevede l'utilizzo di punti sopraelevati, il censimento sperimentale viene svolto, in preferenza, su percorsi posti all'interno delle vallate: questo permette ad ogni operatore di concentrarsi solo sui cervi presenti in quella valle senza contare anche i cervi delle valli adiacenti, coperte già da altri operatori.

 

Infine i dati sono elaborati in ambiente GIS per poter "triangolare" la posizione di ogni cervo. Dato che le distanze segnate durante il censimento sono sempre approssimative si utilizza, inoltre, una mappa tridimensionale del territorio, per confinare il perimetro di ascolto di ogni censitore all'interno della vallata in cui ha censito.

Perché è importante?

I dati raccolti durante il censimento al bramito permettono di stimare il numero di maschi riproduttori presenti in un area. Unendo questi dati a quelli provenienti dal censimento di struttura, che determina proprio la struttura della popolazione, e quindi anche il rapporto tra il numero di maschi riproduttori e gli altri capi, è possibile fornire una stima della popolazione totale presente nell'area d'indagine.


Partecipa anche tu al censimento di quest'anno!

 

Visita la Pagina dedicata al

Campo di Censimento

 

Cosa ti serve per partecipare?

 

Bastano la voglia di stare a contatto con la natura ed un abbigliamento idoneo!